Logo

PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE DELLA COLONNA VERTEBRALE

COME SCONFIGGERE IL MAL DI SCHIENA

Mal di schiena, come prevenirlo?

Attraverso l’uso corretto della colonna vertebrale e, soprattutto, grazie a una buona e corretta educazione posturale.

A quanti anni bisognerebbe iniziare a “educare le vertebre”?

L’ideale sarebbe fare prevenzione già a partire dalle scuole medie, ovvero tra i dieci e i quattordici anni.

Scoliosi, come si presenta? E soprattutto, cosa fare?

L’età media è, appunto, la fascia che va dai dieci ai quattordici anni. Si avvertono dolori lungo tutta la colonna vertebrale. Arriva per colpa di un “atteggiamento” dell’individuo, di una postura non corretta.

Quando iniziano a presentarsi le prime e dolorose fitte alla schiena e quali le cause?

Mediamente verso i venticinque, trenta anni. E sono legate soprattutto alla professione che si svolge. Non è da sottovalutare la componente psichica : il fatto di avere molte responsabilità nell’ambito lavorativo può aggravare o determinare il mal di schiena. In parole povere anche in questo caso ci sono i riflessi sulla colonna vertebrale.Errori di postura connessi alla vita sedentaria, alle ore passate al volante o davanti alla televisione, dai lavori di casa eseguiti in modo sbagliato o addirittura da attività sportive praticate in modo scorretto, come il golf, il tennis, il windsurf, lo sci o il sollevamento pesi che a causa delle frequenti torsioni e compressioni cui la schiena è sottoposta possono causare lombalgie, dorsalgie e cervicalgie.

Ci sono dei segnali di avvertimento e cosa è consigliato fare?

Certamente, ad esempio se entrando o uscendo dall’auto oppure alzandoci dalla sedia, avvertiamo un dolore nella parte lombare della schiena; oppure una fitta dolorosa al collo che prosegue lungo un braccio, tipo una “scossa”, facendo retromarcia in automobile; mal di testa con la sensazione di peso sul collo o sulle spalle; o ancora, lavandoci i denti o il viso avvertiamo rigidità della schiena nel tornare in posizione eretta. Senza dubbio rivolgersi ad un medico specializzato in fisiatria!

Arrivati al punto di rimanere “bloccati” con il collo o con la schiena intera, in quale modo bisogna comportarsi?

Prima di tutto bisogna riposarsi per qualche ora. Dopodiché è consigliabile l’uso di un bustino, che permetta alla colonna di “respirare”. Infine si può ricorrere a una eventuale terapia farmacologia, ovviamente dietro prescrizione medica. Infine, dopo aver trascorso in questo modo due o tre giorni, si passa a una fase di recupero e di riabilitazione completa. Quest’ultima fase può durare da uno a due mesi.